Il 5 marzo 2010, la Commissione Europea ha adottato il documento intitolato Women’s Charter, impegnandosi a rafforzare la parità di genere in tutte le sue politiche. Per tradurre gli obiettivi della Women’s Charter in qualcosa di concreto, la Commissione Europea ha adottato un piano d’azione per la promozione della parità tra uomini e donne – la Gender Equality Strategy. "Le azioni contenute in questa  strategia ci aiuteranno a risolvere alcuni dei restanti gap presenti nelle questioni di genere. Nel 2009 il divario esistente nelle questioni di genere, in riferimento al tasso di occupazione, è stato di 12 punti percentuali. Lavoreremo per migliorare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, facilitando l'equilibrio vita-lavoro e la promozione dell'imprenditorialità femminile", ha dichiarato Viviane Reding, ex vicepresidente della Commissione europea.